Scattolon e Carella si spartiscono le prove 5 e 6 e si avviano alle ultime due speciali separati solo 4”1. Uscita di strada per Brega, vincitore un anno fa. Ritiro anche per Nucera quando era leader dell’Historic. Ora comanda Nerobutto.

Casteggio (PV) –Il Rally Valli Oltrepo’ entra nella fase finale. Quando mancano due prove speciali alla conclusione la sfida diventa incandescente con il leader Scattolon ed il suo inseguitore Carella divisi solo da 4”1.

Poco è cambiato rispetto alla tornata precedente giacché il driver vogherese della Polo HK ed il piacentino della Skoda GF Racing si sono spartiti le speciali –una ciascuno- per questioni di decimi. Una situazione di pareggio che pone Scattolon in posizione privilegiata visto che mancano solo quattordici chilometri alla conclusione.

Dietro di loro gli avversari stanno rendendo ancora più frizzante la lotta per il podio. Il colpo di scena di giornata riguarda il ritiro di Massimo Brega: il vincitore della prima edizione del rally, a bordo della VW Polo Rally2 (Balbosca)  non è passato indenne dalla prova 6, la Valli del Riesling: un’uscita di strada lo ha costretto all’abbandono prematuro ufficializzando formalmente il passaggio di consegne dello scettro. Fuori lo stradellino, il duello è tutto tra Davide Nicelli e Matteo Musti che nell’ultimo giro di speciali si sono scambiati la posizione. Musti e Benenti infatti, hanno pagato pegno per lo spegnimento della loro Skoda (Erreffe) in fase di partenza “piesse” concedendo secondi preziosi al giovane ed arrembante rivale (Skoda GMA Racing) che ora lo sopravanza di 4”2: un distacco praticamente identico rispetto alla lotta per il successo. Rispetto a Scattolon, Nicelli è attardato di 31”1 mentre Musti di 35”3. Quinto il locale Giacobone con la Bertelegni a 1’13” (Skoda Erreffe).

Prosegue la gara “monstre” dei cugini Guglielmetti: Alessandro alla guida e Luca alle note stanno volando con la piccola Renault Clio Rally5 occupando la vetta del 2RM e la 12esima piazza della classifica assoluta!

Da segnalare il ritiro per il cremonese Destefani su Clio Williams A7: un veniale “lungo” è stato fatale in quanto dopo l’uscita dalla sede stradale, l’equipaggio non è riuscito a rimettere sull’asfalto la propria Renault (Ellesse). Molto belle le gare anche dei primi due Under25: Andrea Boatti (con Sboarina su Clio Rs fase1) è 14esimo assoluto e primo di gruppo N mentre Federico Chiesa con Sara Torielli è leader della Rally4 (Peugeot 208 Erreffe) e 15° assoluto.

Historic– Nucera abbandona. Il driver di Albenga che aveva monopolizzato le prime quattro prove,  sulla Ps5 urta un terrapieno staccando una ruota alla sua Porsche 911 (Balletti). Prosegue fino al termine della speciale e poi consegna la tabella. La prima piazza è così ereditata dal valsugano Tiziano Nerobutto in coppia con Stefani che con la Opel Ascona 400 ha ora un margine consistente sul pavese Sordi con Barone, su Porsche 911 Rsr: 25”2. Terzi sono Delladio ed Agnese.

Con anche il ritiro di Corallo ed Errani, il “plotone” delle storiche si riduce ulteriormente dimostrando la selettività della competizione pavese: ora sono rimasti in gara dieci concorrenti.